LESIONI DA COMPRESSIONE - la scala Glamorgan PDF Stampa E-mail

LA SCALA GLAMORGAN PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI LESIONI DA DECUBITO NEL BAMBINO
Willock J. Paediatric Nursing 2008; 20 (7): 14-20.


Esistono diverse scale per la valutazione del rischio di lesioni da compressione in ambito pediatrico. Molte di queste sono adattamenti di strumenti progettati per la valutazione del rischio negli adulti (es. la scala di Braden per gli adulti è stata modificata in Braden Q per i bambini).

Uno degli ultimi strumenti sviluppati per valutare il rischio di lesioni nei bambini è la scala Glamorgan. Si tratta di uno strumento realizzato squisitamente per l’ambito pediatrico, che valuta il paziente secondo 12 item, per ognuno dei quali deve essere attribuito un punteggio dal professionista che esegue la valutazione. Gli item inseriti nella scala Glamorgan, sono stati selezionati sia sulla base di dati epidemiologici che dimostrano la relazione tra la presenza della variabile analizzata e l’insorgenza della lesione da compressione, sia sulla base del giudizio clinico di professionisti esperti nel campo della cura delle lesioni da compressione. Il punteggio attribuito per ogni item è direttamente proporzionale all’intensità del rischio. Il punteggio finale, ottenuto dalla somma dei punteggi riportati per ogni item, inserisce il bambino in una delle tre categorie di rischio individuate: Punteggio >10 e <15 = a rischio, >15 e < 20 = ad alto rischio, > 20 = ad altissimo rischio.

Quanto è “affidabile” questo strumento? Utilizzando i dati rilevati da ampi campioni di pazienti pediatrici ricoverati, è stato stabilito che la scala Glamorgan ha una sensibilità del 100% (il 100% dei bambini che hanno sviluppato una lesione da compressione erano stati definiti “a rischio” secondo la scala Glamorgan), questo permette ai professionisti sanitari di mettere in atto tempestivamente ed efficacemente dei sistemi di prevenzione.

 

Scala Glamorgan per la valutazione del richio di lesioni da compressione