TRICOTOMIA PREOPERATORIA - è necessaria nel paziente pediatrico? PDF Stampa E-mail


La tricotomia preoperatoria è una pratica usata da sempre con lo scopo di prevenire le infezioni della ferita chirurgica.

Ci sono prove scientifiche che dimostrano l'efficacia di questa misura? In particolare, esistono studi condotti in ambito pediatrico?

Per rispondere a queste domande, i colleghi Mauro Mori, Nadia Ordano e Cinzia Neri del Dipartimento di Chirurgia Pediatrica, hanno effettuato una ricerca sulla tricotomia preoperatoria in ambito non neurochirurgico utilizzando le seguenti banche dati scientifiche:

Per gli articoli scientifici:
PUBMED, il più importante archivio di articoli scientifici (www.pubmed.gov)
Per le revisioni sistematiche:
l'archivio Cochrane (www.cochrane.it)
l'archivio Joanna Briggs Institute (www.joannabriggs.edu.au)

Le parole chiave utilizzate per la ricerca sono state:
"Hair removal"
"Surgical wound infection"
"Preoperative hair removal"
Criteri di ricerca: non sono stati posti limiti di età; sono stati esclusi gli studi relativi alla neurochirurgia (NOT "neurosurgical procedures")

Risultati:
Sono stati trovati 6 articoli scientifici rilevanti e 1 revisione sistematica (Joanna Briggs). Quest'ultima è disponibile in italiano (vedere il riquadro verde in alto a destra)

Evidenze disponibili:
Gli studi condotti riguardano prevalentemente gli adulti ma, data la minor presenza di peli nei bambini, i loro risultati sono applicabili anche all'ambito pediatrico.

Non sono state trovate prove di efficacia a sostegno della tricotomia preoperatoria rispetto al non eseguirla, come tecnica per diminuire il rischio infettivo della ferita chirurgica.

Nei casi in cui la rimozione dei peli sul sito chirurgico è comunque necessaria (ad esempio, per una miglior visione del sito di incisione, per una miglior aderenza alla cute dei dispositivi adesivi, per il rischio di caduta dei peli in siti operatori ad alto rischio come per esempio ossa o cuore o vasi), numerosi studi rilevano che l'uso della lametta è quello che crea maggior rischio di infezione della ferita.

Lo strumento preferibile per effettuare la tricotomia operatoria è il rasoio taglia-capelli.

Nella chirurgia addominale si può effettuare la depilazione con crema.

Durante questo studio è emerso anche che la riduzione del tempo intermedio fra tricotomia ed intervento diminuisce il rischio di infezione della ferita.

 

Bibliografia

  • Kjonniksen I, Andersen BM, Sondeena YG, Segadal L. Preoperative haire removal-a systematic literature review. AORN j. 2002 May;75(5):928-38,940
  • Simmons M. Pre-operative skin preparation. Prof Nurs. 1998 Apr,13(7):446-7
  • Small SP. Preoperative hair removal: a case report with implication for nursing. J Clin Nurs. 1996 Mar, 5 (2):79-84
  • De Geest S, Kesteloot K, Adrienssen G, Lenaerts K, Thelissen MJ, Mekers G, Sergeant P, Daenen W. Clinical and cost comparison of three postoperative skin preparation protocols in CABG patients. Prog Cardiovasc Nurs. 1996 Fall; 11(4): 4-16
  • Sellik JA Jr, Stelmach M., Mylotte JM. Surveillance of surgical wound infections following open heart surgery. Infect Control Hosp Epidemiol. 1991 Oct;12(10):591-6
  • Kovach T. Nip in the Bud. Controlling wound infectio with preoperative shaving. Todays OR Nurse.1990 Sep; 12(9):23-6

 

Scarica la revisione sistematica del Joanna Briggs Institute sulla tricotomia (IN ITALIANO)
Scarica le Linee Guida del CDC sulla prevenzione delle infezioni del sito chirurgico (IN INGLESE)
    

Contenuti a cura della Sezione di Scienze delle Professioni Sanitarie del Dipartimento di Pediatria dell'Università di Firenze - AOU Meyer