NPT - vanno schermate le sacche contenenti lipidi? PDF Stampa E-mail
"E' necessario schermare le sacche ed i set infusivi usati per infondere soluzioni contenenti lipidi ?"

Le emulsioni di lipidi se esposte alla luce vengono alterate e liberano grandi quantità di idroperossidi, delle sostanze tossiche che possono causare danno cellulare se non vengono efficacemente metabolizzate dai sistemi antiossidanti dell'organismo. I prematuri e i neonati in terapia intensiva sono particolarmente esposti a questo danno perchè sono sottoposti ad un elevato stress ossidativo e le difese dell'organismo non sono in grado di sopportare un carico ossidtivo ulteriore. Gli idroperossidi sono stati associati a encefalopatia ipossico-ischemica, emorragie intraventricolari, enterocolite necrotizzante. E' necessario dunque che le sacche siano protette dalla luce durante l'infusione, specie se di lunga durata. Questo vale in modo particolare per i neonati sottoposti a fototerapia.

Non siamo però riusciti a trovare evidenze sufficienti a dare una risposta al quesito riguardante la schermatura del deflussore e del resto della linea infusiva. In linea di principio si può ritenere che anche i deflussori debbano essere schermati; tuttavia in molti casi il tempo in cui l'emulsione di lipidi transita nel deflussore può essere relativamente breve: ad esempio, dato che il volume interno di un deflussore è di circa 15 ml, il tempo di transito dell'emulsione, ad una velocità infusiva di 30 ml/h potrebbe essere di mezz'ora soltanto.

Non abbiamo trovato dati che ci consentano di determinare il tempo di esposizione alla luce necessario a determinare la formazione di perossidi.


Fonte: Baird LL. Protecting TPN and lipid infusions from light: reducing hydroperoxides in NICU patients. Neonatal Netw. 2001;20:17-22.
Neuzil J, Darlow BA, Inder TE et al. Oxidation of parenteral lipid emulsion by ambient and phototherapy lights: potential toxicity of routine parenteral feeding. J Pediatr. 1995;126:785-90.