LA SCALA CAM PER MISURARE L'ANSIA NEI BAMBINI PDF Stampa E-mail
Ersing A, Kleiber C, McCarthy A, Hanrahan K. Validation of a clinically useful measure of children’s state anxiety before medical procedures.
Journal for Specialists in Pediatric Nursing 2013;18: 311–319
 
 
L’ansia da procedura è uno degli aspetti che maggiormente influisce sulla percezione che il bambino ha del ricovero in ospedale. Gli strumenti per misurare l’ansia di solito includono una valutazione sia dell’ansia di stato, ovvero del livello di ansia sperimentato dal bambino in un certo momento, che dell’ansia di tratto, ovvero una caratteristica intrinseca al soggetto che lo predispone al percepire le situazioni in generale della vita quotidiana come stressanti. Solitamente, le persone con elevati livelli di ansia di tratto hanno la tendenza a dimostrare anche alti livelli di ansia di stato. Nel corso degli anni sono stati elaborati molti strumenti per misurare l’ansia (tabella 1). Molte di queste scale sono lunghe da compilare e quindi non sono adatte a contesti frenetici. Esistono altre scale che stimano l’ansia del  bambino sulla base della percezione che il genitore ha circa il livello di ansia provato dal proprio figlio, con il limite di non essere sempre accurate nella misurazione poiché i risultati sono condizionati sistematicamente dal livello di ansia del genitore. Altri strumenti invece sono specifici per un setting assistenziale, ma la loro validità non è stata ancora stimata in contesti diversi. La scala CAM (Child Anxiety Meter è uno strumento di tipo visuale-analogico e consiste in un termometro stilizzato disegnato verticalmente (figura 1). Il bulbo è il serbatoio dei sentimenti, mentre il decorso del termometro è diviso in 10 parti uguali e rappresenta il livello di ansia del bambino. Per valutare l’ansia di stato (ovvero la versione S della scala) si deve dire al bambino di immaginare che tutti i suoi sentimenti siano racchiusi nel bulbo e che se si sente solo un po’ nervoso i sentimenti saliranno solo un po’ ne termometro (si indica la prima tacca con il dito), se invece si sente davvero molto nervoso i sentimenti potranno salire fino all’ultima tacchetta del termometro (si fa scivolare il dito lungo il termometro fino all’ultima tacca). Dopo aver spiegato il funzionamento del termometro si chiede al bambino di disegnare una riga verticale sul termometro per mostrare quanto si sente nervoso in questo momento. Nel caso il bambino non comprenda l’analogia con il termometro al mercurio, si possono usare sagome diverse mantenendo il principio del serbatoio e del livello di ansia che aumenta all’aumentare della lunghezza del segmento verticale disegnato. Per misurare l’ansia di tratto (versione T dello strumento) si forniscono le stesse informazioni e sullo schema della versione S viene chiesto al bambino quanto si sente nervoso di solito quando è a casa. Il punteggio della scala va da un minimo di 0 ad un massimo di 10 ed è stata testata per i bambini di età compresa trai 4 ed i 10 anni. E’ adatta a contesti frenetici poichè la spiegazione e la compilazione complessivamente richiedono meno di 1 minuto.